Seguimi su:
copertina libro guida ricovero
libro guida ricovero
Mihaela Monica Popa

Guida Al Ricovero In Ospedale

*disponibile anche in formato eBook
Mihaela_Monica_Popa
Una breve descrizione degli argomenti trattati nel libro Guida Al Ricovero In Ospedale

Breve descrizione

I l punto innovativo della guida è rappresentato dalla struttura che rende la consultazione immediata e scorrevole: la lettura dell’Indice e dell’Introduzione è fondamentale per avere una prospettiva ben definita sugli argomenti trattati e per orientare l’attenzione verso i capitoli di maggior interesse e/o di interesse immediato. Tutti i capitoli dedicati ai rischi del ricovero e alle varie fasi dello stesso sono strutturati in maniera pratica: iniziano con una parte generale, teorica, seguita da una parte contenente indicazioni pratiche e domande da rivolgere al personale.

Tutte le informazioni fornite sono state raccolte dalle fonti più valide e autorevoli in materia come l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il Ministero della Salute, le ultime linee guida nazionali e internazionali, il Tribunale per i Diritti del Malato, la Cittadinanzattiva, trattati infermieristici, libri che raccontano la cura scritti dai pazienti/caregiver, tutto rielaborato in forma sintetica, divulgativa e facilmente consultabile.

Un ricovero in ospedale è un’esperienza di forte sconvolgimento emotivo, si è in una situazione di fragilità e si ha bisogno di più sicurezza possibile. Al paziente viene richiesto un rapido adattamento al sistema che spesso risulta rigido, tendente alla standardizzazione e depersonalizzazione: proprio per il riconoscimento di questi limiti, negli ultimi anni l’attenzione del sistema si è rivolta verso l’umanizzazione delle cure. In pochi sanno che l’articolo 20 del Codice Deontologico Medico, intitolato “Relazione di cura”, dichiara che il tempo della comunicazione è considerato tempo di cura e, ancora di più, questo articolo è diventato parte della nuova Legge del dicembre 2017 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”.

Solo la comunicazione può rendere le persone protagoniste informate e consapevoli di un percorso che incide in maniera fondamentale sulla propria salute. La guida non parla solo di procedure, rischi, situazioni ma parla principalmente di persone e l’empatia che si mostra nei confronti del malato, valorizzandone le esigenze non solo fisiologiche ma anche psicologiche, rappresenta senza dubbio un ulteriore punto di forza.